home page




 

 

Carlo Lucarelli, nato a Parma nel 1960, vive tra San Marino e Mordano (BO), un piccolo paese collocato, come dice lui, "proprio sul trattino dell'Emilia-Romagna".

Giornalista (cronista e commentatore di cronaca nera), autore teatrale (Tenco a tempo di tango, 2006; Marzabotto, 2008; Teatro-Canzone, 2009), sceneggiatore di fumetti (fra gli altri Dylan Dog, Il brigadiere Leonardi e Cornelio, personaggio che ha le sue fattezze) e videoclip, autore di storie per ragazzi (Taquita - Premio Navile 1993), conduttore e autore televisivo e radiofonico (fra l'altro ha scritto con Massimo Carlotto il radiodramma Radio Bellablù), musicista (canta talvolta -pare malissimo- con il gruppo post-punk Progetto K; ha scritto Storie di jazz, corredato da un CD con le musiche di Faxtet & Ferruccio Filipazzi), curatore su Internet della rivista Incubatoio 16, cofondatore del Gruppo 13 (che riunisce alcuni dei migliori autori italiani di gialli), docente di scrittura creativa alla Scuola Holden di Alessandro Baricco e presso il carcere Due Palazzi di Padova, esperto di storia della polizia fascista -e scusate se è poco- esordisce come romanziere nel 1990 pubblicando da Sellerio Carta bianca, giallo nato dalla sua tesi di laurea sulla polizia della Repubblica di Salò (la tesi, dal titolo La visione della polizia nella memoria degli antifascisti, non arriverà alla discussione).

Con l’editore palermitano pubblicherà altri due gialli che hanno per protagonista il Commissario De Luca, L’estate torbida e Via delle Oche, il secondo dei quali vince il Premio Mistery 1996. Di Via delle Oche ha anche scritto una riduzione teatrale. La quarta storia della serie, Intrigo italiano, esce nel 2017 per Einaudi.

Con Indagine non autorizzata (1993) si aggiudica il Premio Tedeschi per il miglior giallo inedito. La storia è anch'essa ambientata nel periodo fascista, ma il Commissario De Luca vi è soltanto citato.

Passando dall'Italia a cavallo della II Guerra Mondiale alla Bologna dei nostri giorni, pubblica le storie del Sovrintendente Coliandro (che in seguito verrà promosso Ispettore) e dell'Ispettore Grazia Negro.

Il primo è un poliziotto prepotente, arrogante, pieno di pregiudizi, presuntuoso, con il mito dell'Ispettore Callaghan e i cui interessi culturali hanno la massima espressione nella lettura di Playboy (come minimo), Tecniche di Tiro Combat, Imparo il Karate e Il Grande Libro della Ferrari (ma ogni tanto si dedica anche al cinema, attraverso la visione dell'opera di Moana Pozzi buonanima); comunque le sue vicende sono irresistibili, e, tutto sommato, alla fine risulta pure simpatico. Essendo eccessivamente imbranato (nonché pericoloso per l'immagine della stessa Polizia), viene relegato in ruoli burocratici che gli stanno stretti (vedi l'Ufficio Passaporti della Questura); di propria iniziativa si lancia quindi in indagini personali contro terroristi neri e mafiosi, dalle quali riesce a venir fuori solo grazie all'aiuto più o meno spontaneo di Nikita (Alta, calze a rete con un buco da una parte, anfibi neri ai piedi, mini mozzafiato, belle gambe. Belle davvero), una psycho (ex dark, ex punk) che ha avuto la sfortuna di conoscerlo e che lo guida in ambienti nei quali sarebbe altrimenti fottuto al primo passo (Nikita, Falange armata, Il giorno del lupo).
Su Coliandro è apparso anche un volume a fumetti disegnato da Onofrio Catacchio.

Grazia Negro, invece, si occupa di serial killer, e anche lei si trova al cospetto di una Bologna tutt'altro che serena e paciosa, nella quale agiscono (anzi operano) l'Ingegnere (Lupo mannaro), l'Iguana (Almost blue), il Pit Bull (Un giorno dopo l'altro), il Cane (Il sogno di volare). In un mondo che sembra fatto solo per gli uomini, sarà lei a guidare la caccia al lupo cattivo. Così succede in Un giorno dopo l'altro: "È il seguito di Almost blue, con la stessa struttura, la caccia ad un killer che attrae le proprie vittime attraverso Internet. Il titolo è tratto da una canzone di Luigi Tenco, come l'altro lo era di Chet Baker, i brani più tristi che abbia mai sentito".
Un giorno dopo l'altro e Almost Blue sono anche diventati uno spettacolo teatrale.

 

Carlo Lucarelli con il Presidente e il Socio Buongustaio in occasione della presentazione di Un giorno dopo l'altro alla libreria Modusvivendi di Palermo (11/05/2001)

Pur essendo ormai riconosciuto come uno dei maggiori rappresentanti italiani nel giallo e nel noir (lui preferisce questa seconda "classificazione"), la vena narrativa di Lucarelli non si esaurisce all'interno di questi generi. Ottima prova ha dato, ad esempio, con i surreali racconti di Autosole (alcuni dei quali finiti, insieme a un racconto inedito su libro, anche sul CD Autostorie, con le musiche di Alfio Contarino, Stefano Gilardone e Gege Picollo); con la raccolta di racconti Vorrei essere il pilota di uno Zero, in cui gioca tutte le carte fino a quel momento "sacrificate" alla letteratura di genere; e con il romanzo Guernica, un'inchiesta pericolosa che diventa quasi un incubo (siamo nel 1937, in piena guerra civile spagnola).
Proprio con la ristampa di Guernica Einaudi ha inaugurato la serie noir della collana Stile Libero, serie della quale lo stesso Lucarelli (con Luigi Bernardi) è stato il curatore; per l'occasione Lucarelli ha voluto riscrivere l'intero finale del romanzo.

Ha anche collaborato con l'allora capo della Squadra Mobile di Firenze Michele Giuttari nella stesura di Compagni di sangue (una ricostruzione della vicenda del mostro di Firenze), e con lo psichiatra e criminologo della Polizia Italiana Massimo Picozzi per diversi saggi.

Con L'isola dell'Angelo Caduto, ritorna alle atmosfere torbide del malaugurato ventennio, qui ai suoi inizi, raccontando, tra il reale e il fantastico, una storiaccia ambientata su un'isola di confinati che pare l'anticamera dell'Inferno.

In Laura di Rimini, come dice lui stesso, "Ho fatto di riferimenti al pulp di Quentin Tarantino, ma più per scimmiottarlo e per scherzare sulla realtà. Non ho cambiato genere, ma l'atmosfera è un po' diversa dai libri precedenti, più giocata sui colpi di scena. C'è meno sangue, ma un discreto numero di omicidi. Ho scritto la storia a puntate per Diario, senza sapere come andare avanti di settimana in settimana. Partivo dalla domanda: vediamo come se la cava una universitaria un po' ciellina e con la polo color pastello se la metto in un grosso guaio, come uno zainetto con quattro chili di cocaina purissima che la scaraventerà tra poliziotti corrotti e mafiosi russi giocando sul doppio registro: la sua inesperienza e un mondo violento e spaventoso".

In romanzi come L'ottava vibrazione e Albergo Italia racconta a suo modo l'avventura coloniale italiana in Eritrea.

Ha sempre ottenuto un buon successo con i programmi televisivi Mistero in blu, Blu notte e Lucarelliracconta (trasmessi da Rai Due e Rai Tre), in cui rivisita una serie di delitti e misteri italiani rimasti insoluti con un'impostazione giornalistico/romanzesca molto particolare. Diversi di questi casi sono narrati in vari libri, e alcune puntate e serie complete sono state pubblicate anche in DVD.
Nel 2014 va in onda su Rai Tre La tredicesima ora, in cui racconta storie di uomini e donne che hanno cambiato radicalmente il corso della propria vita. Al centro di ognuna delle otto puntate una storia di ribellione o di riscatto: vicende private per riflettere su temi che coinvolgono tutti. La narrazione comincia dal punto di svolta nella vita di una persona, l'istante in cui tutto cambia.

 

Carlo Lucarelli con Catarella e il Presidente in occasione della presentazione de La mattanza
(libreria Kalhesa, Palermo, 17/12/2004)


Insieme a Loriano Macchiavelli ha scritto e interpretato per RAISAT Fiction una serie di storie in giallo su Bologna (dove era affiancato anche dal «collega» Giampiero Rigosi) e Corpi di reato, in cui sono stati raccontati in fiction dei casi di cronaca (nera, ovviamente).

Nel 2006 parla di libri su Rai Tre, in Milonga Station.

Dal 2007 racconta i misteri del mondo della musica su Radio Deejay, in Dee giallo.
Nel 2010 il programma esordisce anche in video su Deejay Tv, diventando un mockumentary (cioè un "falso documentario") dal titolo Almost True - L'altra storia del rock. Nel 2012 il programma si trasferisce su Rai Due, passando dai misteri del mondo della musica a storie di carattere più generale e diventando semplicemente Almost True.
Nel 2013 introduce le puntate de La Grande Guerra (in onda su Rai Storia), approfondendo alcuni argomenti.
Nel 2014, con Muse Inquietanti (in onda su Sky Arte), si cala nei misteri dell'arte.
Nel 2015, in Profondo nero (in onda su Crime + Investigation), racconta storie di serial killer italiani meno note e conosciute di altre che sono state sui giornali e sono state raccontate, ma che permettono di ricostruire i cambiamenti della società italiana dell’ultimo secolo.

Dal suo racconto La tenda nera è stato tratto un film televisivo (trasmesso da Rai Due), mentre al cinema è arrivato Almost blue; anche Lupo mannaro è diventato un film (trasmesso da Canale 5). Con L'isola dell'Angelo Caduto Lucarelli esordisce come regista (per una piccola rassegna stampa sui film cliccare qui). Scritta anche la sceneggiatura di Laura di Rimini (film che dovrebbe vedere Lucarelli alla regia insieme a Fabio Sabbioni). Sono state trasmesse su Rai Due fra il 2006 e il 2017 sei serie di telefilm con protagonista Coliandro, con soggetti sia originali che tratti da storie già pubblicate (come Il giorno del lupo); i telefilm, sceneggiati da Lucarelli con Giampiero Rigosi, sono stati diretti dai Manetti Bros e hanno come interprete Giampaolo Morelli. Anche le storie del Commissario De Luca sono diventate una serie di 4 film tv per la RAI. Suoi racconti sono stati inseriti nelle due serie di Crimini, trasmesse da Rai Due (Rapidamente, Niente di personale). Nel 2017 va in onda su Rai Due La porta rossa, un thriller tra il sovrannaturale e il noir, con un’aggiunta di sentimentale, scritto con Giampiero Rigosi, di cui è protagonista il Commissario Cagliostro, un poliziotto morto che torna nei panni di un fantasma per aiutare la moglie a trovare chi lo ha ucciso.

Ha collaborato con Dario Argento alla sceneggiatura dei film Phenomena, Opera e Nonhosonno, e con Giampiero Rigosi ha scritto la sceneggiatura per un film su Diabolik.

Ha collaborato alla stesura di alcuni testi scolastici per l'editore Palumbo.

I suoi libri sono tradotti in più lingue. In particolare in Francia è pubblicato anche da Gallimard nella prestigiosa Série Noire, e suoi racconti sono presenti in varie antologie; ad esempio Chi va piano, inserito in un'antologia di autori mediterranei intitolata appunto Méditerranées (Librio, 1998) e curata da Michel Le Bris e Jean-Claude Izzo, e Reinhardt Klotz, nell'antologia di autori italiani Portes d'Italie (Fleuve Noir, 2001) curata da Serge Quadruppani.

Nel 2009 ha partecipato all’iniziativa Territori.

Cliccare per ingrandire

Dulcis in fundo, è grande estimatore di Andrea Camilleri, il quale ricambia, facendo anche leggere in più occasioni al commissario Montalbano libri di Lucarelli.
Camilleri e Lucarelli hanno scritto insieme il racconto Acqua in bocca (minimum fax), in cui il commissario Montalbano e Grazia Negro collaborano a un'indagine "a distanza", attraverso un rapporto epistolare; l'idea del racconto è venuta a seguito della realizzazione del documentario di Matteo Raffaelli A quattro mani (minimum fax media), che mette a confronto i due scrittori.
Da leggere, l'intervista di Lucarelli a Camilleri (da L'Indice, novembre 1998).
Nella puntata del 13 dicembre 2010 di Lucarelliracconta, dedicata alla trattativa tra lo Stato e la mafia, è stato proprio Camilleri a introdurci nelle pieghe di una storia di misteri, di stragi sanguinose, di apparati dei servizi segreti deviati: cliccare qui per vedere la puntata / cliccare qui per vedere il primo intervento di Andrea Camilleri / cliccare qui per vedere il secondo intervento di Andrea Camilleri (a partire dal minuto 12:06).

L'attività di Lucarelli è incessante, tanto da rendere praticamente impossibile, da parte nostra, seguirla in dettaglio.
Per essere sempre aggiornati al meglio rimandiamo al sito a lui dedicato.

 

Bibliografia scelta
1990 Carta bianca (Sellerio La Memoria)
1991 L'estate torbida (Sellerio La Memoria)
1992 Nikita (in I delitti del Gruppo 13, Granata Press/Metrolibri)
1992 Falange armata (Granata Press Nervi; nella ristampa Einaudi Tascabili Stile Libero del 2002, una nuova prefazione dell'autore)
1993 Indagine non autorizzata (Giallo Mondadori, n.2339)
1993 Taquita (con Guido Leotta – nello stesso volume Il suonatore di zamar di Alberto Natale) (Moby Dick Grilli & Cicale)
1993 Perchè scrivere thriller (intervento sulla rivista letteraria Concertino, n.4, febbraio '93)
1994 Il giorno del lupo. Una storia dell'ispettore Coliandro (Granata Press Nervi)
1994 Lupo mannaro. Un serial killer sulla Via Emilia (Theoria Ritmi)
1994 Vorrei essere il pilota di uno Zero (Moby Dick I libri dello Zelig)
1994 Coliandro (volume a fumetti disegnato da Onofrio Catacchio, Granata Press Trame)
1996 Guernica (Il Minotauro Dedali)
1996 Via delle oche (Sellerio La Memoria)
1996 Il lato sinistro del cuore (racconto tratto da Vorrei essere il pilota di uno Zero, presente in Incubatoio 16 n.0)
1996 L'uovo e mio fratello (editoriale in Incubatoio 16 n.1)
1996 Il silenzio dei musei (racconto presente in Incubatoio 16 n.1)
1996 Il giudice (racconto presente in Incubatoio 16 n.2)
1997 Febbre gialla (EL La casa del giallo. Crimini & Delitti)
1997 Almost blue (Einaudi Tascabili Stile Libero)
1997 Punyayama! (fumetto disegnato da Giampiero Casertano, pubblicato nell'albo Guerres, ed. Soleil; edizione italiana, Guerre, Edizioni Scuola del Fumetto 1999)
1998 Il trillo del diavolo (EL I corti)
1998 Autosole (Rizzoli L'iguana)
1998 Compagni di sangue (prologo ed epilogo al libro di Michele Giuttari) (Le lettere)
1999 L’isola dell’Angelo Caduto (Einaudi I coralli)
1999 Mistero in blu (Einaudi Tascabili Stile Libero)
1999 Storie di jazz (con CD) (con Guido Leotta, Giampiero Rigosi) (Moby Dick Carta da musica)
1999 La strada verso il nulla (soggetto per l'albo n.153 della serie Dylan Dog, sceneggiatura di Tiziano Sclavi, disegni di Giovanni Freghieri) (Sergio Bonelli Editore)
2000 Autostorie (con CD) (Moby Dick Carta da musica)
2000 Un giorno dopo l'altro (Einaudi Tascabili Stile Libero)
2000 Perché scrivere thrillers (appendice in Delitti di carta nostra di Luca Crovi)
2000 Via delle oche (CLUEB Simulazioni; testo della riduzione teatrale del romanzo omonimo)
2001 Laura di Rimini (Einaudi I coralli; pubblicato prima a puntate su Il Diario)
2002 Rapidamente (racconto presente in Medical Thriller, Einaudi Tascabili Stile Libero)
2002 Misteri d'Italia (Einaudi Stile Libero Big)
2003 Serial Killer. Storie di ossessione omicida (con Massimo Picozzi) (Mondadori Strade Blu)
2003 Il lato sinistro del cuore (Einaudi Stile Libero Big; antologia di 53 racconti)
2004 Nuovi misteri d'Italia (Einaudi Stile Libero Big)
2004 La mattanza. Dal silenzio sulla mafia al silenzio della mafia (libro + DVD, Einaudi Stile Libero)
2005 Scena del crimine (con Massimo Picozzi) (Mondadori Strade Blu)
2006 Tracce criminali (con Massimo Picozzi) (Mondadori Strade Blu)
2006 La nera. Storia fotografica di grandi delitti italiani dal 1946 ad oggi (con Massimo Picozzi) (Mondadori Strade Blu)
2007 Piazza Fontana (libro + DVD, Einaudi Stile Libero)
2007 Tenco a tempo di tango (libro + CD) (Fandango Libri)
2008 L'ottava vibrazione (Einaudi Stile Libero Big)
2008 Cornelio - Delitti d'autore (con Mauro Smocovich e Giuseppe Di Bernardo) (Star Comics)
2008 Il bambino del faro (Gremese Gli spilli; un racconto con l'incipit scritto dall'Autore e dodici finali, scritti dai premiati del concorso “Scrivi con me”)
2008 Navi a perdere (VerdeNero. Racconti di Ecomafia delle Edizioni Ambiente)
2008 Storie di bande criminali, di mafie e di persone oneste (Einaudi Stile Libero Big)
2009 G8. Cronaca di una battaglia (libro + DVD, Einaudi Stile Libero)
2009 Il genio criminale. Storie di spie, ladri e truffatori (con Massimo Picozzi) (Mondadori Strade Blu)
2009 La faccia nascosta della luna. Storie di delitti e misteri tra musica, cinema e dintorni (Einaudi Stile Libero Big)
2009 Protocollo (con Marco Bolognesi) (Einaudi Stile Libero Extra)
2010 Il brigadiere Leonardi (volume a fumetti disegnato e sceneggiato da vari Autori, Edizioni BD Alta Fedeltà)
2010 Acqua in bocca (con Andrea Camilleri) (minimum fax)
2010 I veleni del crimine (Einaudi Stile Libero Big)
2011 150. Le storie d'Italia (La Repubblica / l'Espresso)
2011 La Bambina (racconto presente in Giudici, con Andrea Camilleri e Giancarlo De Cataldo) (Einaudi Stile Libero Big)
2011 Nuvole nere (serie a fumetti tratta dai racconti de Il lato sinistro del cuore sceneggiata da Mauro Smocovich e disegnata da vari Autori, Star Comics)
2011 Sex crimes. Storie di passioni morbose e di efferati delitti (con Massimo Picozzi) (Mondadori Strade Blu)
2013 Quasi Roma (volumetto a tiratura limitata con 4 racconti di ambientazione romana per Docucity, con un DVD allegato, editpress)
2013 Strane storie (Skira Storie)
2013 Il sogno di volare (Einaudi Stile Libero Big)
2013 Radiogiallo (audiodramma, Fonderia Mercury / Salani)
2014 A Girl Like You (racconto presente in Giochi criminali, con Giancarlo De Cataldo, Maurizio De Giovanni e Diego De Silva) (Einaudi Stile Libero Big)
2014 Albergo Italia (Einaudi Stile Libero Big)
2014 Storie ancora più strane (Skira Storie)
2015 Thomas e le gemelle (Ovvero la strana faccenda del mostro con gli occhi di luce gialla) (Rrose Sélavy)
2015 PPP - Pasolini, un segreto italiano (Rizzoli la Scala)
2015 Il tempo delle iene (Einaudi Stile Libero Big)
2017 Intrigo italiano. Il ritorno del commissario De Luca (Einaudi Stile Libero Big)
2017 Caro Montalbano. Lettres au commissaire (Istituto Italiano di Cultura Paris)

Last modified Friday, October, 13, 2017