home page





Intelletto d'amore (e altre bugie)




Andrea Camilleri voce registrata
Michele Marco Rossi violoncello
Paolo Aralla live electronics e regia del suono

Musiche rinascimentali, barocche e contemporanee

Vittorio Montalti: The Memories Box
Pasquale Corrado: Furibondo
Noriko Baba: Chant d'Amour
Matteo Franceschini: Expiation
Paolo Aralla: Ritratto con voce

e inoltre brani di Anonimo Medievale, Prokofiev, Sollima, De André, Marin Marais, Hildegard von Bingen

Coproduzione: Accademia Filarmonica Romana, Associazione Barattelli, Associazione Appassionata Macerata,
Fondazione Teatri Reggio Emilia, Fondazione Perugia Musica Classica, Unione Musicale Onlus

Prima esecuzione: Borgia (CZ), Parco Archeologico Nazionale di Scolacium per Armonie d'Arte Festival, 18 agosto 2021

Repliche
Lucca, Auditorium Istituto Musicale Boccherini per Lucca Classica, 27 agosto 2021
Roma, Accademia Filarmonica Romana, 2 settembre 2021
Pordenone, Teatro Verdi, 19 ottobre 2021
Macerata, Teatro Lauro Rossi, 28 ottobre 2021
Reggio Emilia, Palcoscenico del Teatro Valli, 30 ottobre 2021
Trapani, Perugia, L’Aquila, Torino


Un progetto sull’amore, pensato in occasione dell’anniversario dei 700 anni dalla morte di Dante (1721-2021), che nasce dalla collaborazione di Michele Marco Rossi con Andrea Camilleri che, appena un mese prima della scomparsa, ha incontrato il poliedrico violoncellista per una conversazione e un confronto sui temi dell’amore, indagato a partire dalla poetica dantesca per poi svilupparsi in molteplici direzioni. La registrazione della conversazione, parte integrante del concerto, è a tutti gli effetti l’ultima testimonianza artistica e vocale esistente di Andrea Camilleri. La famiglia dello scrittore segue e sostiene attivamente il progetto.
Il progetto è articolato in quattro fasi, quattro manifestazioni estreme del sentimento amoroso, che sottolineano l’irrazionalità e il carattere indecifrabile dell’amore: Amore-Sacro, Amore-Sesso, Amore-Potere, Amore-Colpa. Per ogni fase è stato commissionato un pezzo a compositori contemporanei della scena internazionale: Matteo Franceschini, Noriko Baba, Vittorio Montalti, Pasquale Corrado.
Il resto del repertorio, in un percorso organico e coerente, è di altri compositori: un Anonimo Medievale, Prokofiev, Sollima, De André, Marin Marais, Hildegard von Bingen, Paolo Aralla.
La voce di Andrea Camilleri si intreccia e si alterna alla voce del violoncello di Michele Marco Rossi e alle varie voci sonore che compongono lo spettacolo, ponendo una domanda fondamentale: può esistere un “Intelletto d’amore”?


La voce di Andrea Camilleri in un concerto inedito, l'idea è del musicista Michele Rossi
Un progetto inedito sull’amore ispirandosi ad Andrea Camilleri. E’ questa l’idea di Michele Marco Rossi, giovane e ambizioso musicista. Dopo la mitologia Greca, adesso Rossi ha deciso di dedicarsi ad un tema trovare ispirazione dentro le parole dello scrittore empedoclino, Andrea Camilleri.
“Non ho mai avuto dubbi che Camilleri potesse essere la migliore guida per questo percorso - dice Rossi. Uno scrittore così acuto, prolifico e versatile, un uomo di 93 anni che con così tanta forza e freschezza avevo ascoltato parlare di vita e di morte, di attualità, di sapere, mi sembrava il miglior compagno di viaggio possibile per avventurarsi in un tema anche banale se si vuole, ma così profondamente radicato nella nostra cultura umana. Non mi sbagliavo. Con che emozione ricevetti la telefonata di Mariolina (una delle tre figlie dello scrittore, ndr) che mi invitava tramite il maestro ad incontrarlo di persona. Ho passato un pomeriggio indimenticabile a parlare d’amore con uno scrittore cieco di 93 anni, che mi ha illuminato sul legame tra l’amore e la complessità insondabile della natura umana. Avremmo dovuto incontrarci nuovamente più avanti, per effettuare insieme delle letture su vari testi, per concretizzare questa collaborazione. Non è stato più possibile; la fragilità della vita umana si era portata via il maestro. Ma di quel nostro primo e ultimo incontro serbo una registrazione preziosa. Si parte da Dante, per arrivare a parlare di ciascuno di noi. L’amore diviene specchio e sonda della nostra natura, di quella umanità che Camilleri conosceva così bene”.
Nasce così Intelletto d’amore (e altre bugie), un programma da concerto per violoncello solo ed elettronica. Cinque commissioni di lavori originali a 5 compositori (Paolo Aralla, Noriko Baba, Vittorio Montalti, Matteo Franceschini, Pasquale Corrado), un repertorio che va dal Medioevo al romanticismo alla contemporaneità: gli ascoltatori verranno guidati dagli interventi della voce di Andrea Camilleri, che farà da guida alle varie tappe del concerto di Michele Marco Rossi in un’analisi di differente aspetti dell’amore, volta ad approfondire la natura irrazionale e multiforme degli esseri umani.
(Agrigento Notizie, 16.3.2021)




Last modified Thursday, October, 21, 2021