home page





Quel treno per Vienna

Telefilm tratto dal romanzo di Corrado Augias Quel treno da Vienna


Andrea Camilleri sul set con Jean Rochefort

Regia Duccio Tessari
Sceneggiatura Ottavio Alessi, Corrado Augias, Massimo De Rita, Franco Giraldi, Duccio Tessari
Data 1988
Interpreti Jean Rochefort (Giovanni Sperelli)
Marisa Berenson (Isabella De Ambrosis)
Enrico Maria Salerno (Andrea Sperelli)
Felice Andreasi (Maresciallo Marchisio)
Leo Gullotta (Douglas)
Antonella Lualdi
Andrea Camilleri (il Capo della Polizia)
e inoltre
Manfred Andrae, Gerd Böckmann, Carla Calò, Elise Caron, Maria Carta,
Bernard Crombey, Alberto Di Stasio, Tom Felleghy, Consuelo Ferrara,
Alessando Genesi, Lara Lamberti (con il nome Lara Naszinsky), Stefano Madia,
Elisa Mainardi, Ferdinando Murolo, Alfio Petrini, Francesca Reggiani,
Renzo Stacchi, Conchita Vasquez, Elio Zamuto
Produttore Anselmo Parrinello (per la Rai)
Musiche originali José Padilla, Lino Patruno
Fotografia Sergio D'Offizi
Montaggio Mauro Bonanni
Casting Cornelia von Braun


Da uno dei romanzi di Corrado Augias con protagonista l'ex poliziotto e playboy Giovanni Sperelli. Qui Sperelli indaga sull'assassinio di una modella di pittori nella Roma del 1911. Indaga, indaga, scopre che non è un comune delitto passionale, ma c'è sotto una grossa trama politica (sta per scoppiare la guerra fra Italia e Libia).

La trama del romanzo
Roma, 1911. La capitale è in festa per celebrare i cinquant'anni del Regno d'Italia. Tra l'inaugurazione di una mostra, la costruzione di arditi viadotti e le celebrazioni in pompa magna, il governo Giolitti si prepara alla poco gloriosa impresa di Libia con la quale spera di inserirsi nel "concerto" delle grandi nazioni europee. In questo scenario, un banale omicidio può rivelare un caso di spionaggio internazionale dai risvolti inaspettati in cui, tra gli intrighi di un quartiere residenziale, si muovono personaggi misteriosi. Primo romanzo di una trilogia italiana di spy stories (Quel treno da Vienna, Il fazzoletto azzurro, L'ultima primavera) il cui protagonista è nientemeno che Giovanni Sperelli - fratellastro del dannunziano Andrea - commissario di pubblica sicurezza alle prese con rischi mortali.
 



Last modified Monday, October, 08, 2012