home page




La Camilleriana

 

24 luglio 2017, Roma, Teatro91

Festival I Solisti del Teatro 24ª edizione 2017

Teatro Della Città presenta La Camilleriana

Regia Giuseppe Dipasquale

Con Valeria Contadino, Mimmo Mignemi, Loredana Solfizi, Gian Paolo Poddighe

Testi Andrea Camilleri

Musiche Germano Mazzocchetti


La Camilleriana è una cavalcata nell’opera letteraria e teatrale di Andrea Camilleri.
È un viaggio nella Vigata di Andrea Camilleri dalla porta del tempo: Da Un filo di fumo a La stagione della caccia; dalla Concessione del telefono alla Mossa del cavallo al Re di Girgenti alle Inchieste del Commissario Collura dal Birraio di Preston al Casellante.
La Sicilia narrata da Camilleri è una elaborazione storica del lutto con il quale è stata narrata finora questa splendida terra. Consumata definitivamente una geremiade antropologica e culturale di dannare e dannarsi per il proprio destino di vittime, Camilleri riprende il filo del discorso secolare sulla narrazione della Sicilia dal ‘riso’, dall’ironia. In un esempio sublime e divertito di narrazione dei caratteri, la Sicilia e il suo mondo, come i suoi personaggi, vengono narrati attraverso la lingua camilleriana sotto una luce solare, piena di nuances e vivida di colori. Non più la Sicilia delle madri, del dolore e della eterna dominazione dello straniero, ma quella del germe, futile e divertente ad un tempo, del paradosso siciliano: vivere della disdetta della propria natura, ed in più, riderci sopra. Non più la Sicilia delle lacrime che piange sulla sua inconsolabile tragedia, ma una Sicilia ironica e distaccata che riconosce finalmente di essere essa stessa causa del suo male, e di rintracciarne i germi in una prassi naturale al paradosso. Ciò non significa disconoscere il movente di un lutto legittimo e storico, ma, finalmente, non lamentarne più astrattamente la mancata soluzione. Con i personaggi di Camilleri spariscono di colpo gli adagi del mondo offeso, del siamo come dei e via discorrendo. Come se si fosse compiuta, sullo specifico tema Sicilia, grazie anche a scrittori come Vittorini e Tomasi di Lampedusa, una catarsi che, per corso naturale, ha illuminato il lato comico di quell’atteggiamento.




Last modified Sunday, August, 20, 2017