home page







[ Il titolo del libro invita i lettori a passare trenta giorni con il noto ispettore - tante sono le storie contenute in esso. Non si svolgono tutte a Vigata, la città della Sicilia dove vive e lavora Montalbano. Molte si riferiscono a fatti che si ricollegano a quando egli muoveva i suoi primi passi come poliziotto. Si tratta quindi di trenta indagini, alcune abbastanza insolite, ma, se consideriamo il carattere del poliziotto, non potrebbe essere diversamente. Il campionario dei delitti è vasto: premeditati o colposi, inscenati, preannunciati o semplicemente simulati. Alcune volte Montalbano arriva tempestivamente, molte altre tardi. Certe volte la giustizia degli uomini arriva in maniera logica e tempestiva a dare la conclusione, altre volte la vendetta o il pentimento si fanno giustizia da sé. Molte volte, come avviene nella vita, non esiste logica per spiegare il mistero dei delitti e più in generale delle azioni umane. Ogni caso lascia un sentimento di soddisfazione o di amarezza, perché ci sono anche molte storie nelle quali sarebbe stato meglio lasciare le cose com'erano, e non dare soluzione al problema. Delitti che derivano dalla passione, da contrasti economici, mafia, ambizione, in preda all'ira o per normale logorio quotidiano. Delinquenti anziani, giovani, uomini, donne, belli, brutti, immorali, morali, colti, ignoranti. Unico comune denominatore in tanta varia umanità, forse, il comportamento umano di Salvo Montalbano che alla durezza della vita contrappone, con il suo stile, il dialetto che usa quando parla e i fatalistici ma non sottomessi principi morali, le logore ma sempre forti armi dell'uomo: l'intelligenza, l'ironia e la compassione. ]





Last modified Saturday, July, 16, 2011