home page





La concessione del telefono



Autore Andrea Camilleri
Prezzo L. 15.000
Pagine p. 269
Data di pubblicazione 1998
Editore Sellerio
Collana La memoria n.407
e-book € 6,99 (formato epub, protezione acs4)


Nell'estate del 1995 trovai, tra vecchie carte di casa, un decreto ministeriale (che riproduco nel romanzo) per la concessione di una linea telefonica privata. Il documento presupponeva una così fitta rete di più o meno deliranti adempimenti burocratico-amministrativi da farmi venire subito voglia di scriverci sopra una storia di fantasia (l'ho terminata nel marzo del 1997).
La concessione risale al 1892, cioè a una quindicina d'anni dopo i fatti che ho contato nel Birraio di Preston e perciò qualcuno potrebbe domandarmi perché mi ostino a pistiare e a ripistiare sempre nello stesso mortaio, tirando in ballo, quasi in fotocopia, i soliti prefetti, i soliti questori, ecc. Prevedendo l'osservazione, ho messo le mani avanti. La citazione ad apertura di libro è tratta da I vecchi e giovani di Pirandello e mi pare dica tutto.
Nei limiti del possibile, essendo questa storia esattamente datata, ho fedelmente citato ministri, alti funzionai dello stato e rivoluzionari col loro vero nome (e anche gli avvenimenti di cui furono protagonisti sono autentici).
Tutti gli altri nomi e gli altri fatti sono invece inventati di sana pianta.
A.C.


Il 3 giugno 1998, verso mezzanotte, un cliente di Fremont (California) ordinava a Ibs.it il primo libro italiano via Internet: «La concessione del telefono» di Andrea Camilleri.



Last modified Tuesday, October, 02, 2012